Immersi nel verde, lontano da tutto.

Esterno

Perdersi“.

Ci siamo persi, nel vero senso della parola.

Avevamo bisogno di staccare e ritrovare quel senso di “Slow Time” che molto spesso tralasciamo.

Nel silenzio più assoluto dell ‘ appennino Tosco-Emiliano.

Deviazioni improvvise che hanno il sapore della sorpresa.

Ciclisti in discesa, noi saliamo la ripida e tortuosa salita.

L’auto sale a ritmo lento, intorno boschi e fiori.

Circa 15 km di verde , cielo terso e un clima che rende piacevole il percorso.

Vediamo una piccola scritta su un tronco di legno.

Vendita vino.

Davanti a noi, nascosto dai castagni, un‘ agriturismo meraviglioso.

Tutto è rigorosamente curato, con estrema naturalezza e arte nel preservare le antiche strutture di un tempo.

Pietra e legno. Prati e foreste.

Il silenzio è interrotto solo dalle cicale. Il sole tramonta.

Luogo ideale, per coloro che hanno deciso di trascorrere le proprie vacanze lontano dalla confusione e dai soliti rituali vacanzieri.

Agriturismo di qualità. Gentilezza e quiete.

Niente effetti speciali.

Un contesto dolce, di collina, circondato da vigneti e alberi da frutto.

La pietra avvolge due strutture separate. Camere , sala con terrazza verso l’infinito.

10 Camere, secoli di storia. Persone che hanno curato la terra.

Le foto raccontano la quiete.

Guardo l’orizzonte , non capisco esattamente dove mi trovo.

L’eco delle città vicine non arriva fin qui e le preoccupazioni e la fretta del tempo sono distanti.


Una splendida terrazza panoramica, i prodotti della fattoria, vino e marmellate

C’è tutto quello di cui ho bisogno.

In agriturismo è presente la Sig.ra Carla, una padrona di casa ospitale, raffinata, garbata nei modi e silenziosa.

Cura i suoi fiori.

Camere nel verde, legno e travicelli. 

Soppalchi di legno sospesi,  danno calore in questa serata con appena 18 gradi.

Luci calde e contrasti di colori delicati.

Il legno scricchiola , si muove è vivo.

Oltre la finestra un amaca nel bosco.

Spengo le luci , domani ci aspetta un altra tappa di questo viaggio improvvisato.

Bello perdersi.

L’Italia è piena di questi luoghi poco conosciuti.

Riservati, intimi, dove lasci tutto alle spalle , caos , cellulari , tablet.

Solo te e la natura.

Un altro modo di viaggiare, chiedere gli occhi , respirare la vita.

Michele Cecchinelli , Interior Designer . Travel Blogger

Stile Scandinavo : Idee e ispirazioni

Un mix tra arredi minimal, calore e purezza dei materiali.

Lo stile scandinavo è tipico delle regioni del Nord.

Negli ultimi anni , complice la mano di grandi multinazionali ha avuto una forte ascesa nella scelta degli arredi.

Molto spesso però mi chiedono quale siano i punti chiave per rispettare i canoni di un arredamento in stile Nordico.

Se pensiamo che lo stile deriva dalle regioni fredde del Nord dove le ore di luce disponibili sono limitate, nasce l’esigenza di utilizzare legni naturali e dalle tonalità chiare in modo da esaltare il legame con l’ambiente circostante.

Ecco allora che voglio proporvi una guida con i punti da rispettare per rendere questo stile riconoscibile al primo colpo:

  • Utilizzo dominante del legno naturale in particolare le varie finiture del rovere.
  • Colori tenui, neutri poco affaticanti.
  • Ergonomia degli spazi e accessibilità.
  • Punto fondamentale la ricerca del comfort : quella che nei paesi del nord chiamano “Hygge”,
  • Lasciate perdere complementi d’arredo con tonalità forti e con decorazioni eccentriche.

E’ la soluzione ideale per chi ama la pulizia delle linee, la praticità e la funzionalità dei vari arredi.

Lo stile nordico vive di luce chiara 

Ambienti dove la luce viene mantenuta viva dalle tonalità chiare dei mobili e dai vari tessuti.

Ampio uso di superfici bianche e resine. 

Concludo questo breve “tutorial” consigliandovi di puntare sulla praticità e arredare la vostra casa con semplicità facendovi guidare da mobili minimal e “poco costruiti”, senza troppi orpelli.

Il risultato sarà uno stile libero , sobrio e poco affaticante che punta tutto sul comfort.

Un design che renderà felici chi vive in libertà e ama la natura.

Per qualsiasi consiglio , fatemi sapere ! 

Ciao e …buona vita ! 

Camera mod.Livorno : “Less is more”

Chi l’ ha detto che per avere tanto occorre svuotare il portafogli ?

La camera mod. “Livorno” , nasce dalla richiesta di moltissimi clienti che volevano una stanza bella , comoda e funzionale ma, senza spendere un “patrimonio”.

Inizia così la prima fase di studio parlando proprio con un cliente che voleva rinnovare le camere del suo albergo ma le disponibilità economiche erano piuttosto “ristrette”.

Primi bozzetti, studio dei materiali e la filosofia da seguire.

Ho iniziato a togliere tutto il superfluo, cercando di mantenere inalterati gli standard qualitativi che ho sempre ricercato in tutti i miei lavori.

Nasce così l’espressione “Less is more” che letteralmente vuol dire “meno è di più”.

Una nuovo modo di pensare che, rispetto a tante altre situazioni d’arredo, in cui si riteneva che si dovesse sempre perseguire la complessità del design, rappresenta una vera e propria rivoluzione.

Sconfessa e supera, di fatto, questa concezione. Affermando, al contrario, che il miglior risultato, il “di più”, si ottiene costruendo un arredamento ispirato al concetto dell’essenzialità.

Una filosofia che, dal settore dell’ Interior Design, ha trovato successivamente impiego anche in altri ambiti.

Vuol dire essenzialmente occuparsi di cose che hanno un chiaro obiettivo. Nella cura della casa come nell’organizzazione del lavoro, dove la regola di base è quella di fare tutto in base al tempo disponibile senza sovraccaricarsi del superfluo.

Due mondi nei quali la costruzione degli ambienti circostanti possono aiutare lo stato emozionale.

In questo caso, vuol dire eliminare tutto il superfluo , implementando la filosofia dell’eco-compatibilità di tutti gli arredi.

Il modello Livorno , è la soluzione perfetta per chi cerca un arredamento solido , funzionale e durevole nel tempo con un prezzo d’acquisto veramente basso rispetto alla qualità percepita.

Un aiuto concreto per tutti quelli che vogliono rinnovare le loro camere d’albergo senza spendere una fortuna, soprattutto in questa fase di ripartenza.

Buona vita.

Scegliere l’arredamento giusto per la tua casa ? I miei consigli..

In questo breve articolo , alcuni consigli per scegliere il vostro arredamento.

Non spendere soldi con l’idea di riempire la casa senza una logica”

Scegli l’arredamento in base ai tuoi reali bisogni:

Non c’è motivo di mettere mano al portafogli per completare subito l’arredamento di casa.

Frenate l’istinto d’ acquisto.

Si rischia di spendere soldi , riempiendo la casa di cianfrusaglie inutili .

Riflettete sulla vostra casa , al vostro modo di viverla . Pensate per “step”.

Molto spesso, ho visto clienti frettolosi nel voler sistemare la casa il giorno successivo all’acquisto, tutte le stanze , ogni minimo angolo nascosto.

E’ un errore che capita nell’ 80 % dei clienti.

Credetemi, è fondamentale concentrarsi sull’aspetto che volete dare alla vostra casa.

Prima cosa: scegliere uno stile tra i tanti a disposizione , al contrario si rischia di buttare soldi e tempo.

Una volta scelto lo stile, definiamo il budget a disposizione, il design e gli spazi da utilizzare.

Fatevi consigliare sui materiali , colori e finiture.

Lineaemme

L’errore è dietro l’angolo.

Capita di lasciarsi convincere da amici e parenti che magari hanno altri gusti , altre idee, altre case, altri stili di vita.

Cambia tutto , per questo è fondamentale “non copiare da altri”.

Il mondo dell’arredamento è ricco di variabili che impongono di pensare con la propria testa.

Variabili, che ho riassunto in alcuni punti fondamentali:

  • Budget
  • Gusto personale o estetica.
  • Importanza dei materiali rispetto al prezzo d’acquisto.
  • Ergonomia e ottimizzazione degli spazi
  • Assegnatevi delle priorità
  • Non affrettate gli acquisti
  • Non agite d’impulso.

Consigli che vi torneranno utili nel tempo.

Riflettete sul vostro reale bisogno.

IMPORTANTE : Informatevi sui materiali , sull’ impatto che avranno nell’ambiente rispetto alle persone che ne faranno uso, dovrete conviverci per molti anni.

Scegliete materiali il più possibile”naturali” , eco-compatibili a basso impatto ambientale.

Esistono ancora falegnami e piccole aziende che riescono a coniugare la tradizione del prodotto artigianale con l’uso di macchinari tecnologicamente avanzati. Il risultato è un mobile “unico” che durerà nel tempo.

Uno dei principi fondamentali di www.mcdesignfurniture.it è quello di aiutare il cliente nella scelta migliore e consapevole per le proprie esigenze.

Se non sei sicuro del mobile che stai acquistando o hai dei dubbi sul rapporto/qualità prezzo contattami senza impegno.

Il Corona Virus ha cambiato l’ Interior Design

Mai come ora il settore si trova davanti ad un mutamento epocale.

I progetti avranno d’ora in poi un punto chiave imprescindibile : Flessibilità degli spazi

Occorre una riflessione sui progetti futuri di interior design post Coronavirus.

In questi giorni di isolamento forzato e di lavoro “smart”, la nostra casa è diventata il nostro rifugio. Abbiamo riorganizzato gli spazi e sono venute alla luce pregi e difetti dei nostri ambienti.

La pandemia ci ha fatto capire l’ importanza di certi ambienti che prima davamo per scontati : piccoli giardini , terrazzi polverosi , cortili condominiali che prima usavamo solo per arrivare alla nostra auto.

Le case come “spazi polifunzionali” attrezzati per il lavoro smart ( fattore che secondo il mio punto di vista avrà una crescita esponenziale , così come il delivery ).

In questi giorni parlando con amici e colleghi ho percepito di come sia “mutato” il concetto di zona living.

Concetto riassunto in una frase : “Sacrificare spazi interni per concedersi a spazi esterni”.

Smart working in primis : gli italiani chiedono uno spazio in più per per questo tipo di attività e un isolamento acustico per contenere i rumori esterni.

Lo smart working  dovrà essere tenuto in considerazione nei progetti di ristrutturazione.

La parola d’ordine sarà “Polifunzionale”:

Spazi arredati in uno stile minimal, essenziale , in modo da riconfigurare gli arredi in base alle attività da svolgere.

Ambienti concepiti per un lavoro da remoto. Silenziosi, con pannelli fono assorbenti e soluzioni comode per pause relax o per fare sport.

Spazi organizzati per rispettare quanto più possibile le norme sull’igiene e quelle per l’isolamento acustico.

Verrà implementata la domotica:

si tenderà ad eliminare tutti i possibili conduttori di germi e batteri quali  maniglie delle porte e interruttori per la luce.

In questo caso, verranno in nostro aiuto i sistemi a comandi vocali o gestuali.

Sistemi di aereazione più efficienti in modo da garantire un flusso d’aria con livelli di CO2 bassi.

Dobbiamo ripensare al concetto di “ambiente ideale”.

La pandemia ha cambiato il mondo , ha cambiato noi e il nostro modo di pensare.

Ha trasformato le nostre esigenze, i nostri rapporti e il nostro modo di lavorare.

Sono nate nuove esigenze e nuove preoccupazioni.

Ci ha insegnato quanto sia importante “progettare spazi proiettati nel futuro che ci attende”.

Un futuro nuovo , diverso e forse più complesso ma altrettanto stimolante.

Buona vita e buon lavoro.

Michele Cecchinelli

(Cover Ph by Anastasiia Chepinska on Unsplash)

Turismo in italia dopo il Covid-19 ? L’ Italia ce la farà

L’Italia sarà uno dei paesi che risentirà maggiormente del post-covid19.

Al momento è un emergenza che non ha previsioni future certe.

Ci sono molti se e troppi ma. Resta ancora da capire come intervenire in modo efficace sulla ripartenza.

Ma occorre ripartire al più presto, ( in sicurezza , questo è chiaro) .

Stiamo vivendo un crollo drammatico dei viaggi in tutto il mondo. Una situazione surreale che cambia profondamente il trend di crescita costante che ha caratterizzato il settore del turismo in Italia negli ultimi anni da Nord a Sud.

Noi che viviamo quotidianamente il settore , ci troviamo di fronte ad una brusca frenata delle nostre meravigliose strutture ricettive e tutto quello che ruota intorno ad esse.

Mezzi di trasporto , ristoranti , musei , fornitori, addetti .etc etc..

Una prospettiva preoccupante su consumi, occupazione e PIL.

Di fronte a questo “dramma” economico, occorre che ognuno di noi ( e chi sta sopra di noi….) torni a interrogarsi seriamente su come fronteggiare in maniera straordinaria , questa emergenza economica, sociale e culturale.

Servono rapidamente delle misure eccezionali per riuscire a fronteggiare una ripartenza Post coronavirus che segnerà un cambiamento epocale in tutti noi.

Programmare in modo efficace, iniziative pronte a risollevare il turismo nel nostro “bel paese”.

In primis , la burocrazia .

Tagliare di netto tutte le scartoffie superflue che rallentano il lavoro e la voglia di ampliare gli orizzonti professionali in ognuno di noi. Permettere a tutte le imprese la ripartenza e la gestione di iniziative efficaci per rilanciare il turismo in un futuro non troppo lontano.

Sarebbe opportuno ad esempio stanziare risorse per dare vita a buoni vacanza e sconti vantaggiosi per ingressi a parchi, musei , attrazioni turistiche del nostro paese.

Servirà implementare le campagne social media marketing, per pubblicizzare le migliaia di strutture nelle nostre regioni.

Una sinergia di lavoro tra regioni e imprenditori. Più consapevolezza per fronteggiare questa emergenza sanitaria , per ripartire con rapidità e unione di intenti.

Focalizzare l’attenzione su una campagna di comunicazione incisiva da parte di tutti gli operatori del settore turistico per suscitare di nuovo l’attenzione ed eliminare la paura che permane in ognuno di noi.

Questo che stiamo vivendo è un emergenza mondiale che forse non siamo riusciti ancora a comprendere fino in fondo. Ha trovato tutti impreparati.

Serve coesione da tutto il comparto turistico e l’emergenza che stiamo vivendo potrebbe essere davvero l’occasione per rinnovare e velocizzare i processi di qualificazione tra domanda/offerta e costruire insieme una nuova rinascita del settore.

Resettare.

Ricostruire insieme più forti di prima, per restare sempre al passo con i tempi e competitivi in un settore che ora più che mai ha bisogno di sostegno.

Proviamo a guardare al futuro con un pizzico di positività. L Iitalia se riuscirà a sconfiggere la diffusione del virus, potrebbe ritrovarsi all’alba di un nuovo giorno.

Il brand “Italia” potrebbe rialzarsi più forte di prima.

Una rinascita , un motore che riparte con forza, creatività e determinazione per tornare ad essere, leader del settore turismo.

Ripartire, più forti di prima…

Buona vita

Michele Cecchinelli – Founder https://www.mcdesignfurniture.it

Con i miei collaboratori sviluppiamo Siti Internet , Consulenze SEO e Web Marketing

Segui il mio blog di viaggi negli USA https://www.dreamingusa.it

Prendere le misure per i tuoi mobili

Qualche utile consiglio…

Molti errori si possono evitare con piccoli suggerimenti. Parlo per esperienza, fidatevi.

Vediamo come :

Per prima cosa armatevi di Metro (5mt)., matita o penna , block notes.

Se siete più tecnologici esistono anche diverse app gratuite per usare lo smartphone al posto del metro.

Io preferisco il metodo tradizionale, a voi la scelta :

  1. Innanzitutto, rilevate le misure in più punti. I muri non sono mai perfettamente in squadra, pertanto considerate di prendere le misure da terra , a metà altezza e in alto.
  2. Molto importante : prendere le misure dall’ interno del battiscopa ( dove presente ). Questo è di fondamentale importanza. Il battiscopa su entrambi i lati copre circa 5 / 6 cm che andranno ad incidere sullo spazio utile in larghezza. Mi raccomando !
  3. Controllate che non ci siano prese elettriche che possano interferire all’interno dello spazio da arredare. Se presenti è tassativo non coprirle o rilevare la misura attentamente in modo da poter decidere come sfruttarla o eliminarla.
  4. Cassone avvolgibile. Attenzione che non interferisca nella profondità del vostro mobile ( ad esempio un armadio… )
  5. Tende : Lasciate spazio sufficiente tra le tende e il mobile che andrete ad inserire nel vostro “vano utile“. Rischiate di ottenere un risultato posticcio o approssimativo per quanto riguarda le logiche dell’ interior design”.
  6. Indicate sempre all’arredatore se le misure da voi rilevate sono al netto del vano utile o con una tolleranza di qualche cm .
  7. In altezza e larghezza non devono esserci punti luce che vadano a coprire o interferire con il vostro arredo.
  8. Discorso a parte per la cucina : In questo caso consiglio di interpellare un professionista in quanto ci sono molte più variabili da tener conto ( scarichi , prese elettriche , attacco per cappa, tolleranza tra le pareti per il top cucina) .

Spero che questo breve tutorial , vi aiuti ad evitare piccoli errori nella realizzazione del vostro nuovo mobile.

Seguite questi consigli e vi accorgerete che progettare lo spazio per il vostro arredo sarà molto più facile di quanto immaginavate.

Per qualsiasi info, non esitate a contattarmi info@mcdesignfurniture.it

Grazie e buona vita.

Dopo il Coronavirus : sarà tutto diverso , prepariamoci al cambiamento.

Prima o poi tutto questo finirà.

Dovremmo ripensare all’offerta.

Dietro si porterà un cambiamento radicale nella scelta e nelle esigenze dei clienti.

Ci sarà da rimboccarsi le maniche e guardare tutto in un ottica più rivolta all’etica e all’ambiente.

Si perché cambierà completamente la psicologia del cliente rispetto all’approccio che avevamo prima nei confronti dell’ospitalità.

Servirà ancora più cura e riguardo nei confronti degli ambienti riservati agli ospiti.

Occorrerà munirsi di tutte le soluzioni possibili per mettere al sicuro la salute di tutti  noi.

L’uso di materiali monouso sarà ancora più elevato, schermi protettivi tra operatore e cliente.

“Nulla sarà più come prima”

In base alla mia esperienza nel settore e all’attuale periodo , ho provato a ridisegnare i cambiamenti nelle strutture alberghiere .

Vediamo come prepararci, guardando anche con un occhio di positività :

Gli Spazi

Inevitabile, ripensare allo sfruttamento degli spazi.

Entrata e spazi comuni dovranno essere dotati di appositi dispenser per l’igiene delle mani.

Schermi protettivi https://www.mcdesignfurniture.it/category/ufficio/ al momento del Check-In con scaglionamento dei clienti.

L’accoglienza in relazione alla sicurezza della salute dei clienti sarà il messaggio sulla quale ogni struttura dovrà puntare per creare quel valore aggiunto.

Igiene e Pulizia

D’ora in avanti sarò l’aspetto sulla quale ruoterà la scelta e il feedback di ogni cliente.

Lo dico con la prospettiva del cliente e con l’esperienza nel settore. Sarà fondamentale sviluppare tutti gli accorgimenti possibili per limitare danni irreparabili all’immagine della struttura

Sale comuni e Breakfast

Questo è un tema su cui riflettere.

Tutto è ancora da stabilire . Nessuna previsione certa.

Ci saranno orari scaglionati o tornerà il servizio in camera?

Come influirà tutto questo sulla psicologia del cliente?

Quali cambiamenti radicali comporterà ai gestori in relazioni al quantitativo del personale di sala ??

Informazioni al cliente

Di fondamentale importanza dovrà essere la comunicazione destinata ai propri clienti.

Informative dettagliate e messaggi che rassicurino la costante sanificazione degli ambienti.

Elementi fondamentali nel nuovo marketing di comunicazione.

Centri Welness e SPA

Anche in questo caso ci sono molte variabili da capire.

Ingressi a fasce orarie per limitare l’assembramento e per permettere una maggiore sanificazione dell’ambiente una volta terminato il ciclo dei clienti.

Se ciò accadesse, dovremmo capire quanto influirà sulle tariffe, sull approccio del cliente a questo tipo di selezione in base alle fasce orarie , al costo , al numero di persone e soprattutto alle tempistiche di permanenza all’interno di esse.

Ripresa , programmazione , futuro.

Siamo alla metà di Aprile 2020.

Le notizie che arrivano sulla fine del lockdown sono ancora frammentarie, approssimative.

Resta da capire come si evolverà la situazione.

Che andamento avrà il grafico della domanda.

Il grande puzzle delle tariffe che si andrà a comporre in base alle migliaia di variabili che sorgeranno giorno dopo giorno.

Non sarà semplice.

Quasi sicuramente , non esisteranno più i tariffari in base alle stagioni.

Cambierà l’offerta , la richiesta , la tipologia di camera i servizi offerti.

Cambierà soprattutto la psicologia del cliente nei confronti degli Hotel.

Cambierà anche la filosofia della vacanza dovuta al distanziamento sociale e a tutte quelle restrizioni dovute al post covid-19.

Da parte nostra, avremo il compito di supportare le strutture e tutte le aziende che ruotano intorno a questo grande universo dell’accoglienza, per ripartire insieme più forti di prima.

Nessuno può negare che il turismo sarà sempre fondamentale nel “DNA” di ognuno di noi.

Proprio per questo motivo dobbiamo salvaguardare questa grande impresa che muove la nostra splendida Italia.

Auguro a tutti i miei clienti e amici Albergatori una ripresa piena di soddisfazioni , accompagnata da nuovi traguardi e fiducia nel nostro lavoro.

FORZA !

MCdesignfurniture, come sempre, metterà in campo tutta la sua esperienza , la passione e la collaborazione delle migliori aziende produttrici con la quale, in oltre 20 anni di lavoro, ha arredato i migliori Hotel in Italia e nel Mondo.

Buona vita e in bocca al lupo !

Arredamento Hotel – Residence

Come scegliere e cosa non deve mancare nelle camere.

Design , Comfort , Ergonomia.

In questo articolo, troverete alcuni consigli su come arredare le stanze del vostro Hotel.


Dobbiamo focalizzare l’attenzione su ciò che non può mancare e su quello che i clienti si aspettano di trovare.

Due delle caratteristiche che ho sempre considerato come cliente , sono la privacy e la sensazione di relax. Un soggiorno che puntasse sulla comodità senza tralasciare qualche piccolo “lusso”.

Molto varia dalla tipologia di Hotel.

Ci sono strutture destinate ai “Leisure client” ed altre al “Business client.”

Cambiano i clienti e le loro esigenze. Logico.

Tenendo conto di questi fattori, grande importanza sarà il rapporto qualità/prezzo in relazione agli arredi e allo spazio a loro destinato

Entriamo allora nello specifico:

Per quanto riguarda i mobili, ho sempre cercato di conciliare due aspetti che ritengo fondamentali : Un “Design funzionale” e durevole nel tempo.

E’ fondamentale che i mobili siano costruiti secondo parametri di robustezza adeguati alle continue sollecitazioni da parte dei clienti e degli addetti alle pulizie.

In un mondo sempre più connesso sono di estrema importanza le prese di corrente con le ricariche per tablet, smartphone  e un ottima connessione wifi.

Spesso, durante i miei viaggi,  mi sono trovato in difficoltà … non è stato piacevole.

Dato che la permanenza di un ospite non è mai troppo lunga come un tempo,  è necessario munire la stanza di un armadio non molto grande, composto di un vano appenderia e alcune ripiani dove è possibile inserire anche la cassaforte

In alternativa sono molto utili , gli armadi “open space” con vano tecnico (vedi foto).

Oltre alla cassaforte, importante per ogni tipologia di ospite, il porta valigia . Un elemento che se trova lo spazio nella camera, risulta molto apprezzato, in quanto è un primo punto d’appoggio appena varcata la soglia d’entrata.

Letto : è un altro aspetto su cui focalizzare l’attenzione.

Gioca gran parte del feedback positivo sulla stanza.

La sua scelta può condizionare in maniera insindacabile, la soddisfazione dell’ospite.

Consiglio : puntate sul sommier in ecopelle . Design semplice e livello di pulizia ottimale.

Studi approfonditi sulla “Psicologia del Turismo” hanno rivelato che la testata letto è il punto in cui si posa per primo l’occhio del cliente.

Pertanto, su questo elemento è obbligo giocare il “Jolly”.

Impatto estetico , luci, comodini e tessuti, devono tassativamente essere considerati con un occhio di riguardo.

Mai sottovalutare questo arredo nella composizione della camera.

L‘illuminazione merita uno studio attento e oculato.

Photo by Linus Mimietz on Unsplash

La luce esalta o deprime la stanza di un Hotel.

Inserite i punti luce dove l’effetto sia d’impatto e funzionale per le attività dell’ospite.

  • Faretti all’ingresso della camera.
  • Lampada per l’illuminazione principale della stanza
  • Punti luce dedicati ai comodini. 
  • Lampade da lettura
  • Lampade da inserire nella zona della scrivania.
  • Altro punto luce che personalmente ritengo di forte impatto, è l’illuminazione da applicare al perimetro della testata.

Tessuti. Quando parliamo di tessuti per arredamento contract, ci riferiamo ai tendaggi, ai rivestimenti della testata del letto, ai copriletti, ai cuscini, ai rivestimenti di sedie, poltrone e divani.

Lo studio cromatico è di fondamentale importanza.

Mixando eleganza dei tessuti e colori pastello si riescono a realizzare composizioni originali ma soprattutto “poco affaticanti” .

In tal senso, lo studio del designer dovrà essere accurato e anche grazie a un po’ di audacia è possibile ottenere risultati eleganti e coordinati con tutti gli elementi di arredo.

Camera Livorno

Lasciatevi ispirare dalla location in cui si trova il vostro Hotel, concentratevi sulle reali necessità e lo spazio a disposizione.

Affidatevi sempre a professionisti del settore, in modo da creare un ambiente ideale per i vostri ospiti.

Per info e consulenze d’arredo scrivimi a info@mcdesignfurniture.it o chiamami al +39 347 /90 46 327

Vuoi diventare Partner di MC Design&Furniture con la tua azienda ? Chiamami 347 / 90 46 327

Informo tutti gli amici di https://www.mcdesignfurniture.it che sono su Facebook https://www.facebook.com/mcdesignandfurniture/ e su Linkedin https://www.linkedin.com/in/michedesigner/

Un ringraziamento particolare lo dedico a tutte le aziende che ogni giorno partecipano allo sviluppo e alla crescita commerciale di https://www.mcdesignfurniture.it

Stile dell’ arredamento

Come scegliere

In questo articolo, alcuni consigli per aiutarvi a scegliere lo stile per la vostra casa.

La ricerca dello stile non è semplice perché dobbiamo entrare nella psicologia del cliente.

Vi chiederete il perché.

Semplice, andiamo ad arredare uno spazio che rappresenta la sua personalità.

E’ un dettaglio da non sottovalutare .

Come scegliere allora ?

Avete presente la sensazione di quando entrate in un appartamento vuoto ? 

Quanti dubbi ho visto nei volti dei miei clienti ! Questo si , questo no …..Quale azienda scegliere , quale mobile giusto per il soggiorno , la camere , il bagno…

Riempire una scatola vuota , talvolta risulta spiazzante.

Focalizzate le idee su quello stile che rispecchia il vostro modo di essere, quello che vi fa stare bene e sentire a proprio agio. 

Trovate uno stile che vi faccia sentire a casa.

1. Pensate all’aspetto della vostra casa

Fondamentale è valutare il contesto nella quale si trova la vostra casa.

Cercate di mantenere un armonia tra esterno e interno.

Prima di rimuoverli , pensate ad elementi che potrebbero essere rivalutati , come pavimento , archi , colonne scale e qualsiasi aspetto architettonico da tenere in considerazione.

2. Lasciatevi ispirare dai vostri gusti personali.

Internet è una grandissima fonte d’ispirazione. Fate una selezione degli articoli che catturano la vostra attenzione.

Iniziate a stilare una lista di articoli , finiture , materiali da sottoporre al vostro Interior Designer.

Una volta fatta la selezione e sottoposta al vostro consulente d’arredo, sarà molto più semplice individuare il prodotto finale , la migliore azienda , al miglior prezzo.

3. Create un ambiente per migliorare il vostro benessere.

Chiudete gli occhi e pensate a quando stanchi rientrate in casa.

Accogliente e rilassante. Due fattori imprescindibili.

Dovete però riflettere su voi stessi .

Quando torno a casa e apro la porta che ambiente voglio trovarmi davanti ?

I colori svolgono un ruolo fondamentale. Colori tenui e tessuti soft-touch , decorazioni raffinate e illuminazione per creare l’atmosfera giusta.

Prendete un foglio e iniziate a prendere appunti.

4. Funzionalità e l’ergonomia degli spazi.

Scegliete arredi che rispecchino le vostre abitudini.

Dedicate del tempo a questi particolari perché sono quelli che daranno le giuste dimensioni ai “vostri spazi” quotidiani.

Non affogate la stanze di arredi inutili solo per fare numero.

Scegliete uno stile che vi faccia sentire a casa vostra, uno stile unico dove vi sentiate a proprio agio.

Ricordatevi che potrete seguire mille stile diversi ma, ogni casa dovrà sempre avere un tocco di personalità definita dal proprietario.

Una sorta di firma, che racchiuda il vostro concetto di Design.

Consigli finali : Una volta presi appunti , suddivisi per ogni ambiente ( zona living , camera , cucina) affidate la vostra idea a professionisti del settore. Esperti che sapranno consigliarti al meglio , soprattutto per individuare l’azienda migliore per le vostre esigenze.

Buona vita