Turismo in italia dopo il Covid-19 ? L’ Italia ce la farà

L’Italia sarà uno dei paesi che risentirà maggiormente del post-covid19.

Al momento è un emergenza che non ha previsioni future certe.

Ci sono molti se e troppi ma. Resta ancora da capire come intervenire in modo efficace sulla ripartenza.

Ma occorre ripartire al più presto, ( in sicurezza , questo è chiaro) .

Stiamo vivendo un crollo drammatico dei viaggi in tutto il mondo. Una situazione surreale che cambia profondamente il trend di crescita costante che ha caratterizzato il settore del turismo in Italia negli ultimi anni da Nord a Sud.

Noi che viviamo quotidianamente il settore , ci troviamo di fronte ad una brusca frenata delle nostre meravigliose strutture ricettive e tutto quello che ruota intorno ad esse.

Mezzi di trasporto , ristoranti , musei , fornitori, addetti .etc etc..

Una prospettiva preoccupante su consumi, occupazione e PIL.

Di fronte a questo “dramma” economico, occorre che ognuno di noi ( e chi sta sopra di noi….) torni a interrogarsi seriamente su come fronteggiare in maniera straordinaria , questa emergenza economica, sociale e culturale.

Servono rapidamente delle misure eccezionali per riuscire a fronteggiare una ripartenza Post coronavirus che segnerà un cambiamento epocale in tutti noi.

Programmare in modo efficace, iniziative pronte a risollevare il turismo nel nostro “bel paese”.

In primis , la burocrazia .

Tagliare di netto tutte le scartoffie superflue che rallentano il lavoro e la voglia di ampliare gli orizzonti professionali in ognuno di noi. Permettere a tutte le imprese la ripartenza e la gestione di iniziative efficaci per rilanciare il turismo in un futuro non troppo lontano.

Sarebbe opportuno ad esempio stanziare risorse per dare vita a buoni vacanza e sconti vantaggiosi per ingressi a parchi, musei , attrazioni turistiche del nostro paese.

Servirà implementare le campagne social media marketing, per pubblicizzare le migliaia di strutture nelle nostre regioni.

Una sinergia di lavoro tra regioni e imprenditori. Più consapevolezza per fronteggiare questa emergenza sanitaria , per ripartire con rapidità e unione di intenti.

Focalizzare l’attenzione su una campagna di comunicazione incisiva da parte di tutti gli operatori del settore turistico per suscitare di nuovo l’attenzione ed eliminare la paura che permane in ognuno di noi.

Questo che stiamo vivendo è un emergenza mondiale che forse non siamo riusciti ancora a comprendere fino in fondo. Ha trovato tutti impreparati.

Serve coesione da tutto il comparto turistico e l’emergenza che stiamo vivendo potrebbe essere davvero l’occasione per rinnovare e velocizzare i processi di qualificazione tra domanda/offerta e costruire insieme una nuova rinascita del settore.

Resettare.

Ricostruire insieme più forti di prima, per restare sempre al passo con i tempi e competitivi in un settore che ora più che mai ha bisogno di sostegno.

Proviamo a guardare al futuro con un pizzico di positività. L Iitalia se riuscirà a sconfiggere la diffusione del virus, potrebbe ritrovarsi all’alba di un nuovo giorno.

Il brand “Italia” potrebbe rialzarsi più forte di prima.

Una rinascita , un motore che riparte con forza, creatività e determinazione per tornare ad essere, leader del settore turismo.

Ripartire, più forti di prima…

Buona vita

Michele Cecchinelli – Founder https://www.mcdesignfurniture.it

Con i miei collaboratori sviluppiamo Siti Internet , Consulenze SEO e Web Marketing

Segui il mio blog di viaggi negli USA https://www.dreamingusa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *